Per accedere alla versione PDF
devi essere un utente registrato/abbonato

 

 

MercatAncora

Edicole e farmacie

Cinema

Teatro e concerti

Feste e sagre

ASD Entrèe scuola di danza - Acqui Terme (AL)

Chicche da leggere di Piero Spotti

Scuola di danza Evri Massa - Acqui Terme e Ovada (AL)

Centro sportivo e arti marziali - Acqui Terme (AL)

Motoclub Acqui Terme  (AL)

Scuola pattinaggio di Castelletto d'Orba

In punta di piedi - Scuola di danza - Acqui Terme (AL)

Artistica 2000 - Acqui Terme AL

SIR - Servizi Informazione Religiosa

Annunci, offerte lavoro, auto, moto, casa...>>

Le principali Mostre

Home

La popolazione ovadese in con­tinuo decremen­toOvada. Siamo sempre di meno, nella nostra cittadina compresa tra i due fiumi.

Infatti dai dati forniti dall'uffi­cio Anagrafe del Comune, ri­sulta che la popolazione resi­dente ad ovada al 31 dicembre dell'anno appena passato am­monta complessivamente ad 11.399 unità.

Questo vuol dire un bel pas­so indietro rispetto ai residenti ovadesi alla stessa data del 2015, quando si era in totale 11.484.

Ovada perde quindi nel cor­so del 2016 85 abitanti, confer­mando così un trend annuale che pone il decremento resi­denziale come maggior carat­teristica anagrafica.

La diminuzione di residenti in città nei dodici mesi dell'anno appena trascorso si spiega con il saldo naturale, cioè con la differenza tra le nascite ed i decessi. Infatti il saldo naturale ammonta a -106 abitanti.

Le nascite nel corso del 2016 sono state in tutto 79, con una prevalenza dei ma­schi sulle femmine (44 contro 35). Invece si sono verificati in tutto 185 decessi (in grande prevalenza donne, 123 contro 62 maschi). I decessi verificati­si nell'ambito del Comune am­montano in tutto a 124; 61 quelli in altri Comuni.

Notizie in positivo invece per quanto riguarda il rapporto fra immigrati in città ed emigrati altrove. In totale i nuovi iscritti all'Anagrafe comunale di via Torino ammontano a 432, di cui 343 da altri Comuni, 70 dall'estero, 19 altri.

L'emigrazione da Ovada per altri luoghi fa registrare com­plessivamente 411 partenze, di cui 352 per altri Comuni, 12 per l'estero, 47 altri. Il saldo migratorio, cioè la differenza tra i nuovi iscritti all'Anagrafe ed i cancellati da essa, è dunque positivo: +21 nel corso del 2016.

La differenza quindi tra il sal­do naturale (le nascite ed i de­cessi) ed il saldo migratorio (i nuovi arrivi e le partenze) si pone quindi a -85 abitanti, che è il decremento di popolazione fatto registrare dai dodici mesi del 2016.

Di tutta la popolazione resi­dente in città, come al solito e come avviene ormai da tanti anni, le femmine superano i maschi: sono infatti 5.982 con­tro 5.417.

Le famiglie ovadesi al 31 di­cembre dello scorso anno am­montano a 5.433 più 11 convi­venze, per un totale di 5.444 unioni. Dunque poco più di due componenti per nucleo fa­miliare...

In totale nel 2016 sono stati celebrati 57 matrimoni, di cui 28 religiosi e 29 col rito civile. Le unioni celebrate in Ovada sono state in tutto 22 (9 religio­se e 13 civili); quelle celebrate in altri Comuni 35 (19 religiose e 16 civili).

La popolazione residente in Ovada ammonta dunque a 11.399 unità, segnando quindi un decremento notevole ri­spetto al 2015. Di tutti i resi­denti in città, la popolazione straniera ammonta a 1.068 unità, corrispondenti al 9,4% dell'intera popolazione ovade­se. Pertanto quasi un ovadese su 10 è straniero.

Considerando che i nuovi arrivi in città hanno superato chi invece è partito per altri luoghi e altre città, il decre­mento abitativo è chiaro ed è dovuto alla grande differenza che si registra tra le nascite ed i decessi, cioè al saldo natura­le. Ovada continua ad essere una cittadina con relativamen­te pochi “lieti eventi”...

In ogni caso la perdita di abitanti negli ultimi sette anni è veramente “secca”: -566. Infatti il 2010 registrava 11.965 abitanti.

Pertanto se sette anni fa era molto vicina la soglia dei 12.000 abitanti, ora è più vicina quella degli 11.000.

E. S.