Per accedere alla versione PDF
devi essere un utente registrato/abbonato

 

 

MercatAncora

Edicole e farmacie

Cinema

Teatro e concerti

Feste e sagre

ASD Entrèe scuola di danza - Acqui Terme (AL)

Chicche da leggere di Piero Spotti

Scuola di danza Evri Massa - Acqui Terme e Ovada (AL)

Centro sportivo e arti marziali - Acqui Terme (AL)

Motoclub Acqui Terme  (AL)

Scuola pattinaggio di Castelletto d'Orba

In punta di piedi - Scuola di danza - Acqui Terme (AL)

Artistica 2000 - Acqui Terme AL

SIR - Servizi Informazione Religiosa

Annunci, offerte lavoro, auto, moto, casa...>>

Le principali Mostre

Home

hotel ReginaAcqui Terme. Il piano industriale per le terme cittadine è stato presentato. Per la verità si tratta di una bozza, lasciata nelle mani del sindaco Bertero, nella tarda mattinata di martedì 10 gennaio, da due rappresentanti della Finsystem. Comunque, si tratta di un piano che spiega con sufficiente chiarezza quelle che sono le intenzioni dei soci di maggioranza di Terme spa.

Il primo obiettivo sembra quello di ottenere la parità di bilancio entro tre anni. Il che significa che potrebbero essere effettuati dei tagli e, dove possibile, dei risparmi ma sembra altrettanto evidente la volontà di investire per migliorare l’efficienza di determinate strutture. L’hotel Regina con annesso impianto di fango-balneazione, la spa Lago delle Sorgenti e il parco dell’Hotel Antiche Termine. Ma andiamo con ordine per meglio comprendere.

«Mi è stato spiegato che a breve si procederà con la ristrutturazione del Regina» spiega il Sindaco, e per ristrutturazione di intende il rifacimento del tetto, del bar, del centro fitness e delle camere. «Purtroppo – aggiunge Bertero – a complicare la situazione ci hanno pensato i due metri e mezzo di acqua che hanno sommerso i locali della struttura a causa dell’alluvione, ma mi è stato assicurato che l’Hotel dovrebbe essere pronto per la prossima stagione termale». Vale a dire in primavera.

Tra le priorità ci sarà anche la spa Lago delle Sorgenti che in questo momento rappresenta una delle eccellenze dell’azienda acquese. L’intenzione è quella di ampliare gli spazi a disposizione realizzando anche un lago, en plain air, per permettere bagni di acqua sulfurea e calda non solo al chiuso ma anche all’aperto. Un po’ come già succede in altre rinomate stazioni termali italiane fra le quali Saturnia. Il nuovo lago attingerà anche dagli spazi del vecchio hotel Antiche Terme che si è deciso di non utilizzare più come albergo. A conti fatti, vista la struttura costerebbe troppo, quindi, al momento vale la pena di recuperare il parco per farlo diventare una sorta di biglietto da visita per il settore termale cittadino. Fra gli obiettivi, anche se non immediati, c’è la ristrutturazione della grande piscina che, molto probabilmente, la prossima estate potrebbe essere gestita direttamente da Finsystem.

Gi. Gal.