Per accedere alla versione PDF
devi essere un utente registrato/abbonato

 

 

MercatAncora

Edicole e farmacie

Cinema

Teatro e concerti

Feste e sagre

ASD Entrèe scuola di danza - Acqui Terme (AL)

Chicche da leggere di Piero Spotti

Scuola di danza Evri Massa - Acqui Terme e Ovada (AL)

Centro sportivo e arti marziali - Acqui Terme (AL)

Motoclub Acqui Terme  (AL)

Scuola pattinaggio di Castelletto d'Orba

In punta di piedi - Scuola di danza - Acqui Terme (AL)

Artistica 2000 - Acqui Terme AL

SIR - Servizi Informazione Religiosa

Annunci, offerte lavoro, auto, moto, casa...>>

Le principali Mostre

Home

Successo della No stop benefica al palacongressiAcqui Terme. Grande successo della due giorni che si è svolta il 3 e 4 dicembre, presso l’area Congressuale di zona Bagni. Una due giorni, no-stop di festa, spettacolo, enogastronomia e divertimento dedicata al volontariato. L’iniziativa è promossa dalla Croce Rossa Italiana, Comitato di Acqui Terme ed Uspidalet, ed ha visto la partecipazione di numerose realtà imprenditoriali ed associative, soprattutto artigiane, dell’acquese. La manifestazione inaugurata alle ore 18 di sabato 3 dicembre, è durata fino alla sera di domenica 4 dicembre. È stata una pantagruelica mangiata di “Amnestron e raviore” (5 quintali), ma c’erano anche formaggi, salumi e prodotti tipici locali, oltre ad iniziative di genere diversom tra il divertimento, lo sport, ma soprattutto la solidarietà.

Il ricavato della raviolata, al netto dei costi, verrà devoluto alla Croce Rossa Italiana Onlus - Comitato di Acqui Terme, finalizzato all’acquisto di una nuova ambulanza; altra beneficiaria sarà la Fondazione Uspidalet Onlus che realizza progetti rivolti alla ricerca medica ed al miglioramento dei livelli di qualità dei servizi sanitari offerti a malati ed ai loro famigliari, in particolare a favore dell’ospedale pediatrico Cesare Arrigo di Alessandria.

 

No stop benefica al palacongressi

 

Al termine i ringraziamenti d’obbligo:

Presidentessa Fondazione Ospidalet di Alessandria Alla Kouchnerova; Sindaco di Acqui Terme Enrico Silvio Bertero; Direttore della Fondazione Ospidalet dott.ssa Claudia Bruno; Direttore Medico dei Presidi (Infantile-Civile-Borsalino) dott. Massimo Desperati; Consigliere del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Ospidalet dott. Bruno Lulani; Comandante Carabinieri Acqui Terme Cap. Ferdinando Angeletti; Comandante Tenenza Guardia di Finanza Luogotenente Vittorio Cirillo; Amministrazione comunale di Acqui Terme; Associazione Volontari di Protezione Civile - Città di Acqui Terme; Associazione Alpini Sez. di Acqui Terme; Associazione Nazionale Carabinieri – Nucleo di Acqui Terme; Pro Loco di Ovrano; Pasta fresca Maura e Gregorio Carozzi, Acqui T., Piazza San Francesco 7; Pasta Fresca di Emiliana Pesce, Acqui T., via Marconi 1;

El canton d’la posta fresca di Tortarolo Silvana, Acqui T., piazza San Guido 36; Pasta fresca Musso Franco, Acqui T., via Moriondo 22; Rapetti Food Service S.r.l., Acqui T., via Da Giussano 56; Visgel Catering S.r.l., Terzo, reg. Domini 26; Rapetti Guido, Visone; Laboratorio Pasticceria Vacca S.n.c., Morbello via Umberto 1° n. 10; Araldica Castelvero S.c.a., Castel Boglione, viale Pietro Laudano 2; Guazzo Giancarlo S.n.c., Acqui Terme, piazza San Francesco 9; Leprato Torrefazione S.a.s., Acqui T., via Amendola 12; Publicart sas di Alda Barisone, Terzo (AL), reg. Domini 26; tutti i volontari che hanno contribuito alla buona riuscita della manifestazione.

***

Un po’ di storiadella

Croce Rossa ad Acqui

La Croce Rossa inizia i suoi primi passi ad Acqui solo pochi decenni dopo l’ufficializzazione dell’omonimo Movimento Internazionale (Convenzione di Ginevra del 22 agosto 1864); gli atti di cui si è attualmente in possesso dimostrano una riunione del Consiglio di Amministrazione dell’allora Sottocomitato acquese nel 1888. Purtroppo altri atti ufficiali sono andati distrutti in un incendio a Torino, per cui non sappiamo se esistesse prima di tale data.

L’attività della C.R.I. acquese attraversa diversi periodi; si possono citare, oltre a quella già menzionata, due ulteriori date ufficiali: di “fondazione” nel 1916 e di “rifondazione” nel 1955. Nei restanti intervalli di tempo è probabile che le attività, allora prevalentemente di sostegno ai feriti di guerra e socio-assistenziali, non si siano interrotte completamente (anzi, la Croce Rossa durante le due Guerre Mondiali era sicuramente in attività, tanto che una sua ambulanza fu bombardata nel secondo conflitto mondiale sulla strada verso Castel Rocchero e ne morirono gli occupanti); vale la pena precisare che, in stato di guerra, tutte le ambulanze di ogni Associazione passavano sotto le insegne (ed il coordinamento) della Croce Rossa Italiana onde poter garantire, secondo la Convenzione di Ginevra ed i suoi aggiornamenti, la neutralità necessaria per tutelarne gli occupanti e la missione (l’ambulanza colpita era della ex Croce Bianca acquese, sciolta e divenuta in tale periodo Croce Rossa; solo nell’immediato dopo-guerra la P.A. locale si rifondò con lo stesso nome e continuò la sua benemerita opera sul territorio, che continua tuttora).

L’attuale Comitato Locale della Croce Rossa Italiana svolge oggi ogni tipologia di assistenza e soccorso: Emergenza Sanitaria (in convenzione con il Servizio Emergenza Sanitaria Territoriale “118”), Trasporto Infermi e dializzati (sia privati che in convenzione con la A.S.L.), Protezione Civile (la C.R.I. è a tutti gli effetti un membro della Protezione Civile Nazionale secondo la Legge 225/92), Donazione di sangue, Unità di Strada (per l’assistenza alle persone senza fissa dimora soprattutto nella stagione invernale), Formazione Sanitaria (non solo corsi di Primo Soccorso e giornate di sensibilizzazione al volontariato, alla donazione di sangue ed organi ma anche in ambito scolastico e lavorativo secondo quanto previsto come formazione dalla legge 626/94 e successive modifiche fino al DLgs 81/08 nonché formazione interna a tutto il Personale, dipendente e volontario, di alta specializzazione nei diversi ambiti operativi visti prima), Servizi Socio-Assitenziali e di Inclusione Sociale.

Attualmente in ambito locale si contano n. 6 dipendenti ed una ottantina di volontari operanti nelle diverse branche, tutti opportunamente formati con corsi interni di livello avanzato. I mezzi in dotazione comprendono oggi n. 5 ambulanze di soccorso avanzato e rianimazione, n. 2 automediche (di cui una 4x4), n. 4 autovetture, n. 1 fuoristrada 4x4; da due anni si sono aggiunte anche n. 4 biciclette per il servizio chiamato a livello nazionale “C.R.I. in bici” per portare assistenza e soccorso (in attesa dell’ambulanza) nel centro storico cittadino, nei parchi comunali, sulla pista ciclabile e nelle zone cittadine dove comunque i mezzi di soccorso tradizionali, meno compatti e maneggevoli, impiegano sicuramente un tempo più lungo per giungere sul posto.

La sede del Comitato Locale acquese della Croce Rossa Italiana è in Via E. Trucco, 19 (accanto alla Posta), e risponde ai seguenti numeri telefonici: 0144 322300, 0144 320666, 0144 56678.

Si ricorda che per i servizi di Emergenza Sanitaria occorre allertare comunque sempre il “118” mentre per i servizi privati si può contattare direttamente l’Associazione.